Browsing Tag:

Ricette Siciliane

Carnevale/ Cucina Regionale/ Cucina Siciliana/ Festività/ Ricette Siciliane

Pignolata

La Pignolata o Pignoccata è un tipico dolce della tradizione Siciliana e Calabrese. A dirla tutta si prepara anche in altre parti d’italia con ingredienti se non identici molto simili.

Nel centro Italia  la chiamano Cicerchiata  , Struffoli nel napoletano.

È un dolce tipico del periodo di Carnevale ma si può preparare ogni volta che se ne ha voglia.

In sicilia spesso viene presentato come dolce del pranzo domenicale.

Un impasto di farina e uova, da cui si ricavano delle palline che vengono prima fritte e poi passate nel miele.

Mi viene l’acquolina in bocca solo a scriverne 😉

 

 

Print Recipe
Pignolata
Dolce di Carnevale della tradizione Siciliana
Porzioni
10 persone
Porzioni
10 persone
Istruzioni
  1. Impastate la farina con le uova fino ad ottenere un impasto liscio e sodo. Coprite con pellicola e lasciate riposare per 30 minuti circa.
  2. Ricavate dall'impasto dei bastoncini della circonferenza di un dito, tagliateli a tocchetti e friggeteli in olio caldo , più piccoli saranno i tocchetti più la pignolata sarà croccante, regolatevi secondo il vostro gusto.
  3. Scaldate il miele in un pentolino e tuffateci dentro i tocchetti fritti. Trasferiteli su un piatto da portata ,cospargete con i zuccherini colorati e la buccia d'arancia grattugiata .
  4. Fate raffreddare e rapprendere il miele prima di mangiare.
Recipe Notes

Potete aggiungere la scorza d'arancia anche nell'impasto.

Potete servire la Pignolata dentro a dei pirottini da muffins per avere delle monoporzioni più facili da gestire soprattutto se si è in tanti.

Cucina Siciliana/ Cucina Vegetariana/ Ricette Siciliane/ Senza categoria

Couscous con Cavolo Viola

Il Couscous è un piatto che preparo spesso, eppure mi sono resa conto che sul blog ho postato una sola ricetta, questa risalente addirittura al lontano 2013.

Sarà che essendo un piatto a me molto familiare, non penso mai di fotografarlo e di scrivere un post per il blog.

Quest’anno conto di rimediare.

Couscous con Cavolo Viola

A cominciare dalla ricetta di oggi, Couscous con cavolo viola.

La Ricetta che ho usato per prepararlo è quella di casa mia,tradizionale Siciliana, ho solo sostituito il Cavolo bianco  ( broccolo in sicilia) con quello viola, che quest’inverno trovo spesso dal fruttivendolo e che ho scoperto essere dolcissimo.

Per non parlare del suo fantastico colore poi.

Il cavolo viola è bellissimo da crudo con le sue sfumature rosa acceso che diventano viola intenso una volto cotto.

Questo tipo particolare di cavolfiore nasce in sicilia, è infatti  conosciuto come “ Violetto di Sicilia” ricco di Vitamina A, vitamina C,Selenio e di Antociani responsabili della loro colorazione.

Rispetto agli anni passati quando questo cavolfiore era considerato un prodotto di nicchia ,ora lo si trova nei banchi ortofrutticoli con maggiore facilità, quindi se vi capita di trovarlo compratelo senza indugi e provate la mia ricetta 🙂

Couscous con Cavolo Viola

Print Recipe
Couscous con Cavolo Viola
Couscous con cavolo viola
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
4 persone
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
4 persone
Istruzioni
  1. Lavate il Cavolo, dividetelo in cimette e lessatelo in acqua salata.
  2. Versate la Semola in un recipiente, conditela con un filo d'olio, un pizzico di sale e la cannella, mescolate bene il tutto e lasciatela insaporire. In un pentolino mettete a bollire dell'acqua. Versate l'acqua bollente sulla semola, senza esagerare con la quantità, coprite con un coperchio e aspettate cinque minuti. Trascorsi i cinque minuti togliete il coperchio alla semola e sgranatela con una forchetta, i chicchi devono risultare gonfi e separati tra loro. Mettete da parte.
  3. In una padella Fate appassire la cipolla tritata in un paio di cucchiai di olio, aggiungete le cimette di cavolo e fatelo saltare per un paio di minuti. Aggiustate di sale se necessario.
  4. Versate la semola su un piatto da portata, cospargete con la polvere di pistacchio. Aggiungete le cimette di cavolo ripassate in padella e servite.

 

Couscous con Cavolo Viola

Cucina Regionale/ Pesce/ Primi/ Ricette Siciliane/ Senza categoria

Gnocculi Trapanesi con sugo ai Gamberetti, Pomodorini Pachino e Pistacchi

Oggi è il #WorldPastaday , in tutto il mondo si celebra quello che è l’alimento simbolo  della cucina mediterranea.

A casa non siamo dei grandi mangiatori di pasta, io in particolar modo ne mangio pochissima, ma quando mi viene voglia, mi piace dedicare a questo piatto particolari attenzioni.gnocculi-gamberetti-e-pistacchio-021

Per celebrare la giornata di oggi ho scelto una ricetta con profumi e colori della mia terra.

Gli Gnocculi Trapanesi, conditi con un sughetto di gamberi, pomodori Pachino e Pistacchi.

gnocculi

Non avevo solo voglia di pasta oggi, ma anche un pò nostalgia di casa, e quando succede accorcio “le distanze” portando in tavola dei piatti che mi fanno sentire i sapori e gli odori della mia infanzia.

Così dopo aver trovato gli Gnocculi e la polvere di pistacchio nella mia dispensa ( le scorte di ingredienti siculi non mancano mai) sono corsa al mercato dove ho preso i pomodori pachino e i gamberetti rosa ed ecco tutti gli ingredienti necessari per la preparazione del mio piatto.

scrucchiata-e-gnocculi-gamberetti-e-pistacchio-020La ricetta è molto semplice e abbastanza veloce se non si considera la fase di sgusciamento dei gamberi, ma se avete qualcuno che vi aiuta ci vuole davvero poco 😉

Essenziale è la freschezza e la qualità degli ingredienti che utilizzate, i gamberetti in particolar modo mi raccomando che siano  freschi, altrimenti meglio ometterli.

 

Print Recipe
Gnocculi Trapanesi con sugo ai Gamberetti, Pomodorini Pachino e Pistacchi
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 10/15 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 10/15 minuti
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. Pulite e sgusciate i gamberetti. Mettette la pentola per gli Gnocculi sul fuoco. In un padellino saltate i gamberi per un paio di minuti con un filo d'olio, sfumate con il vino bianco salate e pepate. In un altra padella fate imbiondire uno spicchio d'aglio con un filo d'olio. Aggiungete i pomodorini tagliati a metà e fateli cuocere a fiamma viva per pochi minuti. Mi piace che restino belli sodi. Buttate gli gnocculi in pentola che a questo punto starà bollendo. Unite i gamberetti ai pomodorini, aggiungete un mestolo di acqua di cottura della pasta, spolverate con la polvere di pistacchio e amalgamate il tutto. Assaggiate e se necessario aggiustate di sale. Scolate gli gnocculi conditeli con il sughetto preparato, impiattate e completate con altra polvere di pistacchi e prezzemolo tritato. Ora mangiate!!!
 

Senza categoria

La Brioche con il Tuppo

Fino a pochi anni fa mi bastava andare dal fornaio più vicino a casa per gustarmi delle belle brioche calde appena sfornate.
Riportarle a casa e fare il bis accompagnate da una fresca granita o del gelato.
Adesso mi è più difficile e se voglio gustarne una devo aspettare di tornare a casa  giù in Sicilia.
Nel frattempo sono alla ricerca della ricetta perfetta che replichi nel sapore, profumo e morbidezza quelle originali.
Ho cominciato la mia ricerca con  una delle ricette più in voga sul web  le Brioche Catanesi col Tuppo  di Anice&Cannella
 
 
 
 
 
Ingredienti:
 
250 g di Farina manitoba
250 g di Farina 00
75 g di Zucchero
75 g di Burro ( la prossima volta proverò a sostituirlo con lo strutto per ottenere una maggiore morbidezza)
10 g di Sale
7 g di Lievito di Birra
175 g di Latte freddo
10 g di Miele
2 Uova
Aroma Arancia
Zafferano 
 
 

 

 
Setacciamo le farine in una ciotola aggiungiamo lo zucchero, il miele e il lievito sciolto in un po’ di latte e cominciamo a lavorare l’impasto meglio se con una planetaria o impastatrice, aggiungiamo le uova una alla volta, seguite dal latte in cui avrete sciolto il sale. a questo punto aggiungete il burro freddo e impastate a lungo fino a che non si stacca dalla pareti e fa il velo. Copriamo l’impasto e lasciamo riposare in frigo per tutta la notte.
 
 
 

 

 
 
Il mattino dopo capovolgete l’impasto su un piano infarinato e lasciatelo li senza toccarlo per un oretta.
Trascorso il tempo necessario dividiamo l’impasto in palline di circa 90 g ciascuna formiamo le nostre brioche ricordandoci della pallina sopra ogni brioche a mo’ di tuppo.
disponiamoli su una teglia ricoperta di carta forno e lasciamoli lievitare fino al raddoppio.
Spennelliamo le brioche con un tuorlo e un po’ di latte e inforniamo a 190° per 25/30 minuti circa.
Dopo sono pronte per essere morse 😉
 
Inutile dirvi che le brioche sono buonissime, , ma non sono ancora del tutto quelle cerco.
la ricerca continua …

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Senza categoria

Insalata di Arance e Finocchi

Ogni tanto torno con una ricetta della mia terra, e questa di oggi nella sua semplicità ne racchiude l’essenza . 
Un piatto povero che in origine prevedeva solo l’uso delle arance,arricchito semplicemente da olio sale e pepe.
Con il tempo si sono aggiunti altri ingredienti , olive, cipolle, acciughe, finocchi. 
A voi sperimentare e decidere quale versione incontra meglio i vostri gusti.
Unico accorgimento, le materie prime che devono essere fresche e di prima qualità.
 
 
 
 
Ingredienti per 2:
 
2 Arance
1 Finocchio 
Olio extra vergine d’oliva
Sale 
Pepe
 
 
 
 
Sbucciate le arance e tagliatele a spicchi.
Lavate e affettate i finocchi, mescolateli in una terrina con le arance, condite con olio extra vergine d’oliva ,sale e abbondante pepe.
Lasciate riposare una decina di minuti e servite.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONSIGLIA DIY: Packaging di San Valentino